COMUNICATO STAMPA A.N.A.I.

( Associazione Nazionale Avvocati Italiani)

***

L’ANAI esprime ferma contrarietà al testo di riforma della prescrizione in ambito penale presentato ieri alla Camera dei Deputati da esponenti della maggioranza al governo, rilevandone, in primis, la evidente incostituzionalità a causa della violazione dei principi del giusto processo e della sua ragionevole durata, previsti dall’art.111 della Costituzione.

L’introduzione di tale abnorme istituto nel nostro codice penale prevederebbe la inaccettabile conseguenza, sul piano giuridico e processuale, di vedere cancellare la prescrizione dopo la conclusione del giudizio di primo grado, provocando l’inevitabile allungamento del processo e rendendo così di fatto sempre pendente la sentenza di condanna.


E’ inaccettabile, scrive l’ANAI , la violazione sistematica di principi di diritto a fronte della previsione – invece - di interventi correttivi e decisi sulle reali ragioni di allungamento del giudizio penale, in gran parte dovute alla prolungata durata delle indagini ben prima che si arrivi alla prima udienza davanti al giudice terzo.

Un Paese moderno, ribadisce ANAI, ha bisogno di processi rapidi nell'interesse di tutte le parti, delle vittime dei reati, degli imputati e dei cittadini: allungare i tempi della giustizia signiifca vanificare l’esigenza di civiltà del principio costituzionale del giusto processo. 

L’ANAI, infine, ritiene grave il mancato coinvolgimento della Avvocatura in processi di riforma così radicali e chiede di essere immediatamente convocata in audizione alla Camera prima ed in Senato dopo, per potere illustrare i motivi della ferma contrarietà a tale proposta di modifica della legge penale.

banner_lloyd_300x250
bannerlextel

Uomini & Donne della Comunicazione

banner-anai-CSE

 
banner-anai-SISMLA

banner-anai-CEA

  Tutti i siti delle sezioni ANAI - Clicca qui

Inserisci la tua e-mail ti iscriverai alla nostra newsletter gratuita.

  Consigli di lettura
  Video

  Film da vedere clicca qui

Le priorità irrinunciabili delle Battaglie ANAI

1.- Attuazione ed esecuzione della sentenza TAR Lazio che ha annullato il regolamento elettorale forense.

2.- Stralcio dalla riforma del processo civile delle disposizioni che limitano i diritti di difesa e di impugnazione (eccettuata l’abrogazione del filtro in appello).

3.- Attribuzione all’attività degli avvocati di una parte significativa dell’attività oggi svolta davanti al giudice con dispendio di spese e di risorse (emissione dei decreti ingiuntivi non esecutivi, convalida di licenze e sfratti per finita locazione e per morosità, atti di volontaria giurisdizione etc).

4.- Dal d.l. sulla concorrenza va stralciata la parte che riguarda l’avvocatura. No perentorio al socio di capitale.

5.- Va difesa l’autonomia e l’indipendenza della Cassa forense e va fortemente implementato il Welfare per i giovani, per le donne avvocato e per i colleghi che versano in difficoltà.

6.- Il processo telematico non potrà che essere esclusivo. Va abbandonato definitivamente il cartaceo. Per attuare ciò, occorre implementare con l’impiego di notevoli risorse, con una nuova puntuale organizzazione, informatica, con i necessari dispositivi di sicurezza, con una magistratura attrezzata e competente. Se ciò non sarà possibile entro la fine del 2015, si dovrà ripensare tutto e/o intraprendere diverse strade digitali (anche meno costose).

7.- L’avvocato non è imprenditore e gli ordini forensi non sono associazioni di imprese. L’avvocatura è estranea all’Antitrust.

8.- La Costituzione italiana riconosce nel lavoro (anche in quello autonomo e professionale) un fondamento della Repubblica.

Gli avvocati hanno diritto ad un compenso proporzionato ed adeguato. Sono nulle le convenzioni che contrastano con tali principi.

9.- Va contrastata con ogni mezzo la ulteriore revisione della geografia giudiziaria che prevede la demolizione di Corti di appello e di Tribunali.


Le News di Oggi

28Giu 2018

A denunciarlo al ministero della Giustizia è l’Ordine degli avvocati di Milano dopo i ripetuti disservizi del portale delle vendite pubbliche, che stanno compromettendo operazioni già previste

28Giu 2018

Rifiutare il pagamento con carta di credito o Bancomat perché non si disponeva del POS (cioè dell’apparecchio che consente, appunto, il pagamento elettronico) comportava, fino a poco fa, una multa. Ora, però, il Consiglio di Stato ha cambiato le regole del gioco e consegnato, in qualche modo, il cerino acceso al nuovo Governo, che dovrà decidere in merito. Che cosa hanno […]

28Giu 2018

La sentenza che stabilisce l’assegno di mantenimento per l’ex moglie e i figli retroagisce al momento di deposito del ricorso. Con la tua ex moglie hai in corso una vertenza legale per la definizione dell’assegno di divorzio e del mantenimento da versare ai figli. In sede di separazione vi eravate messi d’accordo per un importo e avevate […]