Etica

L'Etica

banner-eticaNella disputa ancora attuale tra Benedetto Croce e Luigi Einaudi su liberalismo e liberismo possiamo dare ragione a entrambi. I due concetti vanno verificati in correlazione con l’etica sociale.

Il liberismo, laddove può contribuire alla crescita del paese e al benessere dei cittadini, è una ricetta ben accolta e salutare. Ma vi sono alcuni gravi inconvenienti.

Il liberismo non è certamente compatibile con un accentuato intervento dello Stato laddove colpisce il ceto medio, imponendo supertasse ai lavoratori autonomi e subordinati. Né è compatibile con le liberalizzazioni selvagge che sanzionano ingiustificatamente i professionisti, minacciandone le libertà civili oltre che la identità e la funzione sociale.

Al “liberismo” si contrappone, poi, il “liberalismo” che ricerca una coscienza morale dell’individuo che antepone il collettivo all’interesse individuale, che si basa sulla libertà spirituale e su un’alta concezione del bene pubblico, che attribuisce attributi morali ai comportamenti di chi governa e di chi è governato. Ma il liberalismo non può essere retorico strumento nelle mani di coloro che predicano bene, ma razzolano male.

Secondo la concezione ideale di Benedetto Croce la libertà in ogni propria espressione conferisce idealità alla realtà e realtà all’idealità, riconoscendone l’inscindibile unità che è, allo stesso tempo, presenza identitaria.

Basandosi sulle libertà che man mano vengono a consolidarsi nel tessuto sociale e civile, la vita degli individui non appare più deserta di spiritualità e abbandonata a forze cieche ed estranee, ma si dimostra opera ed attualità dello spirito, riaffermando così l’ideale morale che è in ogni libertà, che significa anche rispetto della persona umana senza alcuna connotazione economicista e mercantile.

Alla coscienza e volontà di libertà si riconducono tutte le virtù morali e tutte le definizioni che sono riferibili all’etica.

Con l’alto profilo etico si formano classi intellettuali e dirigenti politici. Senza etica nessuna società ha lunga vita. E la politica priva di etica pubblica finisce per deteriorare il tessuto sociale.

Ma anche la libertà e l’etica conclamate vanno verificate. Secondo Benedetto Croce l’assenso morale che si dà a particolari istituzioni non si riferisce alla loro astratta forma, ma alla loro efficacia pratica in dati tempi, luoghi e circostanze e situazioni. Anche il Montesquieu, che formulò la famosa teoria dei tre poteri, esecutivo-legislativo-giudiziario, non era in grado di poter tranquillamente sostenere che con questo meccanismo istituzionale si generasse e mantenesse libertà e si impedisse servitù.

In realtà la tripartizione dei poteri elaborata dal Montesquieu ha trovato collocazione a volte solo formale nelle costituzioni repubblicane.

Benedetto Croce esprime una critica profonda ai liberali liberisti e alle rievocazioni e celebrazioni storiche che individuano nella libertà economica una premessa della libertà civile e morale. Le due libertà hanno una diversa natura ed anche una diversa etimologia. La vita umana non può essere soggetta a due leggi contrastanti, ma ad un’unica decisiva ultima istanza che è la coscienza morale. La concezione di mercato è sussidiaria e condizionata dalle scelte etiche.

Né è possibile individuare nel libero mercato un fattore autonomo di crescita civile e democratica. È una utopia pensare che il “mercato” sia la morale. Se non si pongono regole e limiti, e senza lottare i poteri forti che profittano della debolezza del sistema.

Non vediamo chi – in questa società piena di ingiustizie – possa garantire il corretto funzionamento del meccanismo concorrenziale, potenziando lo sviluppo economico e, allo stesso tempo, proteggendo i diritti di coloro che hanno una posizione più debole. Solo in questo modo si può coniugare il mercato con la libertà dell’individuo e la giustizia sociale. Con ciò incardinando due principi fondamentali di qualsiasi politica sociale: la solidarietà, che di fronte all’interesse particolare esige la perequazione politico-sociale e la promozione del bene comune; la sussidiarietà, secondo la quale quanto la comunità può fare da sé non deve essere fatto dallo Stato o dall’entità sovrastante.

Possiamo condividere i sacrifici che il Governo chiede a noi cittadini, ma alla condizione che siano equi e ben distribuiti. Non si può dare un qualsiasi consenso ad attacchi politici indegni che tacciono intere categorie di formare “caste” e “corporazioni” che si avvarrebbero di privilegi che, nella realtà, non esistono.

Da considerare che anche per Luigi Einaudi i valori morali costituiscono una premessa del liberismo. Anzitutto, non può esistere libertà dello spirito, libertà del pensiero dove esiste una sola volontà, una sola ideologia. La libertà del pensare è dunque connessa con una certa dose di liberismo economico. La concezione storica del liberismo economico dice che la libertà non è capace di vivere in una società economica nella quale esista una varia e ricca giuntura di vite umane, indipendenti le une dalle altre. Lo spirito libero crea un’economia a se medesimo consone.


14Dic 2017

C’è l’ok del Senato, il biotestamento è legge: ecco che cosa prevede Dal consenso informato alle “disposizioni anticipate di trattamento”: così cambiano le norme sul fine vita   Il biotestamento (ovvero il testo sulle Disposizioni anticipate di trattamento e in materia di consenso informato), legge già licenziata dalla Camera, è passata senza modifiche al Senato. […]