La Corte di Cassazione (sentenza 9 maggio 2017, n. 11218) affrontando un caso precedente all’istituzione del domicilio digitale ad opera del D.L. n. 90/2014, dichiara validamente effettuata la notifica in cancelleria alla parte che non abbia eletto domicilio nel circondario e non abbia indicato la PEC nell’atto di costituzione. Precisa, inoltre, che non è possibile effettuare notifiche via telefax. (Cassazione civile, sez. III, sentenza 9 maggio 2017, n. 11218)

One Response to legittima la notifica in cancelleria in assenza di indicazione della PEC
  1. […] La Corte di Cassazione (sentenza 9 maggio 2017, n. 11218) affrontando un caso precedente all’istit… […]


[top]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *