Forti perplessità desta, infine, la «immunità parlamentare» che sarà, come oggi, riconosciuta ai futuri senatori. Non è mancato tra i commentatori delle legge di riforma chi (anche alla luce di esperienze non esaltanti re­centi e meno recenti) ha espresso il timore che essa potrebbe addirittura influenzare le elezio­ni, spingendo le maggioranze consiliari a in­viare a Palazzo Madama colleghi in pericolo di essere sottoposti a inchieste o a rinvii a giudizio in modo da assicurare loro uno scudo nei con­fronti dei giudici.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *