SI È DIMESSO ieri il giudice della Consulta Giuseppe Frigo. E ora, la Corte Costituzionale dovrà decidere sulle sorti della legge elettorale ltalicum con 14 giudici invece dei15cheformano il plenum.

Lin evento rilevante se si considera che per le pronunce della Consulta basta la maggioranza semplice e ora, in caso di una spaccatura a metà tra favorevoli e contrari, diventerà decisivo il voto del presidente Paolo Grossi (che in caso di parità vale doppio).”È stata una grandissima esperienza. Sono fiero di essere stato giudice costituzionale. Sono addolorato per essere stato costretto mio malgrado, senza pressioni di nessuno, a lasciare”, ha detto ieri Frigo, eletto nel 2008 dal Parlamento su indicazione dell`allora Pdl, che ha lasciato a otto mesi dalla fine del mandato per ragioni di salute. “Sono stato costretto dai medici: questo impegno a 600 km da casa era troppo pesante”.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *