GIUSTIZIA: ANAI, IN ITALIA SI TAGLIANO TRIBUNALI INVECE DEGLI SPRECHI DE TILLA, MANCA TRASPARENZA SU INTROITI, SPESE E RISORSE Roma, 25 gen. (Adnkronos) – Invece che sopprimere 1.000 uffici giudiziari, per migliorare la giustizia basterebbe introdurre seriamente il processo telematico. L’Associazione nazionale avvocati italiani (Anai) interviene sulle spese del sistema giustizia replicando alle parole del Guardasigilli, Paola Severino, nella sua relazione per l’inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2013. ”Manca trasparenza -sottolinea il presidente dell’Anai, Maurizio De Tilla- su investimenti, introiti, spese, somme e beni gestiti, risorse impiegate, obiettivi perseguiti e raggiunti. Si sa solo che si sono spesi malamente 84 milioni per inutili braccialetti elettronici e che per l’esternalizzazione dei servizi si spendono all’incirca 700 milioni all’anno”. ”Abbiamo gia’ visto per la mediaconciliazione che i nostri dubbi circa l’incostituzionalita’ erano fondati -ha detto De Tilla- e per il taglio degli uffici giudiziari probabilmente succedera’ la stessa cosa, viste le numerose rimessioni alla Consulta”. Per l’Anai, bisognerebbe invece rendere obbligatorio il processo civile telematico, mentre via Arenula dovrebbe rispondere a molte domande a proposito della gestione delle risorse. (segue) (Sin/Opr/Adnkronos) 25-GEN-13 14:31 NNNN

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *