Anai – Respingere l’entropia

Entropia

Entropia

 

In un sistema isolato l’entropia, cioè il disordine, tende ad aumentare. Questo concetto è cruciale per i nostri destini, tanto che ignorare la legge dell’entropia è grave. 

Le cose tendono ad andare storte, tutto deperisce. Questo significa che può non essere colpa nostra se siamo sfortunati e anche che sperare non basta: bisogna lavorare per respingere la marea montante dell’entropia e creare rifugi di ordine nel disordine (Steven Pinkers).

Maurizio de Tilla

 (Presidente A.N.A.I.)

banner_lloyd_300x250
bannerlextel
banner-anai-CSE

 
banner-anai-SISMLA

banner-anai-CEA

  Tutti i siti delle sezioni ANAI - Clicca qui

Inserisci la tua e-mail ti iscriverai alla nostra newsletter gratuita.

  Consigli di lettura
  Video

Le priorità irrinunciabili delle Battaglie ANAI

1.- Attuazione ed esecuzione della sentenza TAR Lazio che ha annullato il regolamento elettorale forense.

2.- Stralcio dalla riforma del processo civile delle disposizioni che limitano i diritti di difesa e di impugnazione (eccettuata l’abrogazione del filtro in appello).

3.- Attribuzione all’attività degli avvocati di una parte significativa dell’attività oggi svolta davanti al giudice con dispendio di spese e di risorse (emissione dei decreti ingiuntivi non esecutivi, convalida di licenze e sfratti per finita locazione e per morosità, atti di volontaria giurisdizione etc).

4.- Dal d.l. sulla concorrenza va stralciata la parte che riguarda l’avvocatura. No perentorio al socio di capitale.

5.- Va difesa l’autonomia e l’indipendenza della Cassa forense e va fortemente implementato il Welfare per i giovani, per le donne avvocato e per i colleghi che versano in difficoltà.

6.- Il processo telematico non potrà che essere esclusivo. Va abbandonato definitivamente il cartaceo. Per attuare ciò, occorre implementare con l’impiego di notevoli risorse, con una nuova puntuale organizzazione, informatica, con i necessari dispositivi di sicurezza, con una magistratura attrezzata e competente. Se ciò non sarà possibile entro la fine del 2015, si dovrà ripensare tutto e/o intraprendere diverse strade digitali (anche meno costose).

7.- L’avvocato non è imprenditore e gli ordini forensi non sono associazioni di imprese. L’avvocatura è estranea all’Antitrust.

8.- La Costituzione italiana riconosce nel lavoro (anche in quello autonomo e professionale) un fondamento della Repubblica.

Gli avvocati hanno diritto ad un compenso proporzionato ed adeguato. Sono nulle le convenzioni che contrastano con tali principi.

9.- Va contrastata con ogni mezzo la ulteriore revisione della geografia giudiziaria che prevede la demolizione di Corti di appello e di Tribunali.


Le News di Oggi

07Ago 2017

Mondo professionisti Il colpo mortale glielo hanno inferto gli scavi del metrò. Mentre si alzavano le barriere, crollava il fatturato. Succede in via Felice Cavallotti, a un passo da Piazza San Babila. La via diventa una trincea e un altro negozio storico chiude: la libreria ex Pirola, diventata poi Sole 24 ore ma conosciuta come […]

07Ago 2017

Mondo professionsiti La popolazione degli iscritti alla Cassa al 31/12/2016, ha quasi raggiunto le 240.000 unità, ma l’incontrollato aumento del numero degli avvocati iscritti agli Albi Forensi è fenomeno che sembra ormai appartenere al passato, come si può evincere anche dal numero delle cancellazioni dalla Cassa a seguito di cancellazione o sospensione volontaria dall’Albo (4.488 […]

07Ago 2017

mondo professionisti Parola del Parlamento. Quinto comma dell’articolo 12 del ddl sui vitalizi: “In considerazione della difformità tra la natura e il regime giuridico dei vitalizi e dei trattamenti pensionistici, comunque denominati, dei titolari di cariche elettive e quelli dei trattamenti pensionistici ordinari, la rideterminazione di cui al presente articolo non può in alcun caso […]