Anai – L’imbecillità è un problema serio

Maurizio Ferraris - Filosofo - Autore del testo

Maurizio Ferraris - Filosofo - Autore del testo "L'imbecillità è un problema serio"

Non è la follia che spaventa, ma l’imbecillità, soprattutto per­ché è qualcosa che non si redime, e che resta una macchia cieca, una differenza irrecuperabile senza resurrezione, una palata di sabbia nell’ingranaggio della dialettica. Ogni epoca ha i suoi tromboni di ogni sesso ed età, così come ha i suoi bugiardi, i suoi furfanti, e ovviamente i suoi imbecilli. Così argomenta Maurizio Ferraris, nel libro “L’imbecillità è una cosa seria”, che considera dei vantaggi dell’età nostra la possibilità di potere chia­mare gli imbecilli con il loro nome, e magari di combatterli, sia pure nella consapevolezza della loro imbattibilità. C’è un rischio enorme che ci si assume parlando di imbecilli­tà. In effetti, è molto difficile dare dell’imbecille a qualcuno senza che qualcun altro ci inchiodi, e con validi motivi, alla nostra imbecillità. È da ricondursi a questa circostanza il fatto che sono stati spesso degli imbecilli, cioè i meno consapevoli dei rischi a cui andavamo incontro, a parlare di imbecillità. 

Maurizio de Tilla

 (Presidente A.N.A.I.)

banner_lloyd_300x250
bannerlextel
banner-anai-CSE

 
banner-anai-SISMLA

banner-anai-CEA

  Tutti i siti delle sezioni ANAI - Clicca qui

Inserisci la tua e-mail ti iscriverai alla nostra newsletter gratuita.

  Consigli di lettura
  Video

  Film da vedere clicca qui

Le priorità irrinunciabili delle Battaglie ANAI

1.- Attuazione ed esecuzione della sentenza TAR Lazio che ha annullato il regolamento elettorale forense.

2.- Stralcio dalla riforma del processo civile delle disposizioni che limitano i diritti di difesa e di impugnazione (eccettuata l’abrogazione del filtro in appello).

3.- Attribuzione all’attività degli avvocati di una parte significativa dell’attività oggi svolta davanti al giudice con dispendio di spese e di risorse (emissione dei decreti ingiuntivi non esecutivi, convalida di licenze e sfratti per finita locazione e per morosità, atti di volontaria giurisdizione etc).

4.- Dal d.l. sulla concorrenza va stralciata la parte che riguarda l’avvocatura. No perentorio al socio di capitale.

5.- Va difesa l’autonomia e l’indipendenza della Cassa forense e va fortemente implementato il Welfare per i giovani, per le donne avvocato e per i colleghi che versano in difficoltà.

6.- Il processo telematico non potrà che essere esclusivo. Va abbandonato definitivamente il cartaceo. Per attuare ciò, occorre implementare con l’impiego di notevoli risorse, con una nuova puntuale organizzazione, informatica, con i necessari dispositivi di sicurezza, con una magistratura attrezzata e competente. Se ciò non sarà possibile entro la fine del 2015, si dovrà ripensare tutto e/o intraprendere diverse strade digitali (anche meno costose).

7.- L’avvocato non è imprenditore e gli ordini forensi non sono associazioni di imprese. L’avvocatura è estranea all’Antitrust.

8.- La Costituzione italiana riconosce nel lavoro (anche in quello autonomo e professionale) un fondamento della Repubblica.

Gli avvocati hanno diritto ad un compenso proporzionato ed adeguato. Sono nulle le convenzioni che contrastano con tali principi.

9.- Va contrastata con ogni mezzo la ulteriore revisione della geografia giudiziaria che prevede la demolizione di Corti di appello e di Tribunali.


Le News di Oggi

20Ott 2017

La trasformazione digitale della Pubblica amministrazione rischia di diventare un puzzle impossibile, in cui manca il pezzo centrale, l’Anagrafe nazionale della popolazione residente. Per ora sono solo 4 su 7.981 i Comuni già en­trati nella banca dati unica digitale. Senza Anagrafe unica lo Spid (la password unica per l’accesso ai servi­zi della Pa) non decolla. […]

20Ott 2017

La trasformazione digitale della Pubblica amministrazione rischia di diventare un puzzle impossibile, in cui manca il pezzo centrale, l’Anagrafe nazionale della popolazione residente. Per ora sono solo 4 su 7.981 i Comuni già en­trati nella banca dati unica digitale. Senza Anagrafe unica lo Spid (la password unica per l’accesso ai servi­zi della Pa) non decolla. […]

20Ott 2017

La locuzione «fuga dei cervelli» (in inglese, human capital flight o, più sinteticamente, brain dram) viene utilizzata per indicare il fenomeno dell’emigrazione all’estero di perso­ne di particolare talento o alta specializzazione professio­nale ed è un calco dell’espressione «fuga di capitali», vale a dire il disinvestimento economico e finanziario da Paesi nei quali sono venute meno […]

19Ott 2017

“Non c’è la volontà politica di affrontare seriamente l’emergenza ambientale. A tanti anni di distanza manca ancora una mappatura precisa dei siti più a rischio, e questo complica ulteriormente ogni azione”. L’avvocato Maurizio de Tilla non usa giri di parole per affrontare il tema dell’emergenza ambientale al centro del convegno organizzato all’Abbazia del Loreto dall’Ordine degli Avvocati […]

19Ott 2017

“Non c’è la volontà politica di affrontare seriamente l’emergenza ambientale. A tanti anni di distanza manca ancora una mappatura precisa dei siti più a rischio, e questo complica ulteriormente ogni azione”. L’avvocato Maurizio de Tilla non usa giri di parole per affrontare il tema dell’emergenza ambientale al centro del convegno organizzato all’Abbazia del Loreto dall’Ordine degli Avvocati […]

19Ott 2017

“Bisogna denunciare. Ci sono industrie inquinanti e i cittadini si ammalano. È necessaria una mappatura reale per intervenire. Anche gli incendi provocano inquinamento”. Sono le parole dell’avvocato Maurizio De Tilla a Mercogliano, presentazione del suo libro “L’inquinamento ambientale, riflessioni normative e bioetiche”, prefazione di Umberto Veronesi. Parole colte da chi è in prima linea, come il medico Franco Mazza: “La nostra […]

19Ott 2017

La presentazione del libro dell’avvocato Maurizio De Tilla “L’Inquinamento ambientale – riflessioni normative e bioetiche” diventa confronto a più voci sul delicato tema della correlazione tra ambiente e salute. Ai nostri microfoni l’autore, parlamentari, avvocati, ambientalisti: la vita di tutti dipende dall’impegno di ognuno. Coscienza civica, leggi efficaci, non sottovalutazione del problema e attenzione massima, […]

19Ott 2017

L’Anac è diventata, nella pulp fiction della vita pubblica italiana, «il signor Wolf» che «risolve problemi», se necessario anche con mezzi un po’ sbrigativi: un ruolo svol­to in modo spesso efficace (si pensi alla capacità di sbroglia­re la delicata matassa dell’Expo di Milano), nonostante qualche “fuoco amico” (non biso­gna dimenticare che l’Anac ha sottratto il […]