Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi 

Scena tratta dal Film "Il Gattopardo" - simbolo del declino aristocratico

Scena tratta dal Film "Il Gattopardo" - simbolo del declino aristocratico

 

 

Albert Hirschman ha egregiamente tematizzato uno degli ar­gomenti più costanti della retorica quello che lui definisce la «tesi della futilità» e che riassume tanto giustamente”. Il gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa”, nell’assistere al declino irreversibile dell’aristo­crazia di fronte alla borghesia: «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi». Tale argomento può inten­dersi in due modi: o «conservare significa adattarsi», oppure «si può cambiare quanto sì vuole, alla fine tutto torna lo stes­so». In questo senso è particolarmente sottile, poiché permette di negare e insieme di giustificare la pertinenza di ogni scon­volgimento, a seconda che si insista sul suo carattere imperativo («bisogna») o sul suo cinismo disincantato («che tutto riman­ga come è»). Hirschman mostra con una certa malizia co­me questo argomento circoli quasi in ogni discorso politico, sottolineando quindi la perfetta omologia tra il desiderio di ri­voluzioni radicali e il puro rifiuto di qualsiasi cambiamento.

I cambiamenti più notevoli sono molto spesso i più irrisori. In altre parole, qualsiasi sconvolgimento effettivo non solo non è riconducibile alle sue anticipazioni, ai suoi timori, alle sue speranze, ai suoi effetti di annuncio o di commemora­zione, ma si rivela addirittura spesso perfettamente l’opposto. 

Così Nietzsche, tanto attento a tutte le forme di trasfigura­zione, di ribaltamento, di creazione, continua a denunciare la povertà e l’illusione degli eventi più rumorosi, più sensaziona­li, più patetici. Non per paura, ma giustamente per un gusto e un amore veritieri degli sconvolgimenti effettivi. Infatti, è suffi­ciente una certa attenzione per osservare che gli sconvolgimenti più profondi e più costitutivi si verificano generalmente «nell’o­ra senza voce», nella calma terrificante che precede le tempeste e non durante le tempeste stesse, quando non succede nulla di apparente, quando si aspetta e si contempla più che agire, quan­do il presente si estende fino ad assorbire qualsiasi nostalgia del passato e qualsiasi progetto di futuro. «Le parole più silenziose sono quelle che portano la tempesta. Pensieri, che incedono con passi di colomba, guidano il mondo». (Pierre Zaoui – L’arte di essere felici).

Maurizio de Tilla

 (Presidente A.N.A.I.)

banner_lloyd_300x250
bannerlextel
banner-anai-CSE

 
banner-anai-SISMLA

banner-anai-CEA

  Tutti i siti delle sezioni ANAI - Clicca qui

Inserisci la tua e-mail ti iscriverai alla nostra newsletter gratuita.

  Consigli di lettura
  Video

Le priorità irrinunciabili delle Battaglie ANAI

1.- Attuazione ed esecuzione della sentenza TAR Lazio che ha annullato il regolamento elettorale forense.

2.- Stralcio dalla riforma del processo civile delle disposizioni che limitano i diritti di difesa e di impugnazione (eccettuata l’abrogazione del filtro in appello).

3.- Attribuzione all’attività degli avvocati di una parte significativa dell’attività oggi svolta davanti al giudice con dispendio di spese e di risorse (emissione dei decreti ingiuntivi non esecutivi, convalida di licenze e sfratti per finita locazione e per morosità, atti di volontaria giurisdizione etc).

4.- Dal d.l. sulla concorrenza va stralciata la parte che riguarda l’avvocatura. No perentorio al socio di capitale.

5.- Va difesa l’autonomia e l’indipendenza della Cassa forense e va fortemente implementato il Welfare per i giovani, per le donne avvocato e per i colleghi che versano in difficoltà.

6.- Il processo telematico non potrà che essere esclusivo. Va abbandonato definitivamente il cartaceo. Per attuare ciò, occorre implementare con l’impiego di notevoli risorse, con una nuova puntuale organizzazione, informatica, con i necessari dispositivi di sicurezza, con una magistratura attrezzata e competente. Se ciò non sarà possibile entro la fine del 2015, si dovrà ripensare tutto e/o intraprendere diverse strade digitali (anche meno costose).

7.- L’avvocato non è imprenditore e gli ordini forensi non sono associazioni di imprese. L’avvocatura è estranea all’Antitrust.

8.- La Costituzione italiana riconosce nel lavoro (anche in quello autonomo e professionale) un fondamento della Repubblica.

Gli avvocati hanno diritto ad un compenso proporzionato ed adeguato. Sono nulle le convenzioni che contrastano con tali principi.

9.- Va contrastata con ogni mezzo la ulteriore revisione della geografia giudiziaria che prevede la demolizione di Corti di appello e di Tribunali.


Le News di Oggi

24Mag 2017

Mondo professionisti La prima (o unica) rata dell’IMU dell’imposta dovuta per l’anno in corso, ad eccezione di determinati immobili, deve essere pagata entro il 16 giugno 2017 sulla base delle aliquote nonché detrazioni stabilite dai singoli Comuni per l’anno 2015. Tenendo presente che nei casi in cui il Comune abbia già deliberato le aliquote IMU […]

24Mag 2017

Mondo professionisti Disco verde dalla Cassa nazionale forense per l’erogazione di contributi finalizzati alla crescita economica, sociale e culturale dell’Avvocatura proposto dal Comitato delle Pari Opportunità dell’Ordine di Biella. Il progetto che ha vinto il bando è stato redatto da Manuela L’Amico e prevede corsi di lingua inglese, tedesca e francese (o cinese). Le lezioni inizieranno ad […]

24Mag 2017

Mondo professionisti I continui controlli fanno sì che il sistema ordinistico sia reale garanzia di affidabilità per la collettività Il “continuo controllo”, dal “momento iniziale di accesso alla professione con l’esame di Stato e l’iscrizione nell’Albo”, che prosegue “nel corso di tutta la vita professionale” fa sì che il “sistema ordinistico sia reale garanzia di […]