Anai - La commedia del processo secondo Calamandrei

Piero Calamandrei

Piero Calamandrei

Nell’amministrazione della giustizia c’è sempre una sacra rappresentazione: ha il suo cerimo­niale (che come quello sacro, si chiama « ri­to »), i suoi paramenti, le sue formule eso­teriche; ha un andamento di dramma, i cui « atti » debbono susseguirsi nell’ordine pre­stabilito dinanzi al pubblico, intramezzati da qualche preparativo segreto dietro le quinte; ha il suo scenario e i suoi personag­gi tradizionali, il pubblico ministero che è il tiranno, il giudice che è il padre nobile, il difensore che fa sempre la parte di primo attor giovine. I processi somigliano talmente alle comme­die, che spesso si son viste nei teatri com­medie costituite per intero, dal primo all’ul­timo atto, dalla fedele riproduzione di un dibattimento giudiziario: il pubblico che va a assistere ai processi ha lo stesso animo sva­gato di chi va al teatro, e lo stesso animo avrebbe ugualmente se domani in piazza ci fosse il carnefice a torturare e a impiccare.

Ma forse in questa sacra rappresentazione c’è qualcosa di ancor più profondo, dal qua­le essa deriva una irresistibile, per quanto lugubre, attrattiva: che, cioè, in questo ce­rimoniale giudiziario è simboleggiato un processo invisibile in cui tutti ci sentiamo coinvolti; chiusi in questa gabbia che è la vita, sotto una imputazione che non ci è sta­ta notificata, ma che forse è inutile tentar di conoscere, perché tanto sappiamo che, co­munque l’istruttoria si svolga, la sentenza finale è già scritta, e solo è differita la pubbli­cazione. Il processo dell’esistenza, con le sue spire di incubo, come lo ha sentito il Kafka.

Questo è forse, in fondo, il misterioso istinto che porta gli artisti a guardare gli avvocati ed i giudici: come se vedessero simboleggiato in loro l’incontro, che sta al centro di ogni coscienza, tra l’accusa impla­cabile e la disperata difesa, la spasimante in­vocazione di una giustizia che si ostina a ri­manere in eterno sigillata nel suo silenzio, e questa attesa angosciosa di un verdetto che è poi sempre per tutti, inesorabilmente, di condanna a morte. Proprio questo interno significato sottinteso accresce all’esterno il ridicolo intorno a queste povere creature vestite da avvocati e da giudici, che in realtà sono anche loro, nonostante il travestimen­to, nient’altro che imputati già condannati in anticipo, e che tuttavia si illudono di po­ter sul serio amministrare giustizia ai propri simili (Piero Calamandrei – Gli avvocati) 

Maurizio de Tilla

 (Presidente A.N.A.I.)

banner_lloyd_300x250
bannerlextel
banner-anai-CSE

 
banner-anai-SISMLA

banner-anai-CEA

  Tutti i siti delle sezioni ANAI - Clicca qui

Inserisci la tua e-mail ti iscriverai alla nostra newsletter gratuita.

  Consigli di lettura
  Video

Le priorità irrinunciabili delle Battaglie ANAI

1.- Attuazione ed esecuzione della sentenza TAR Lazio che ha annullato il regolamento elettorale forense.

2.- Stralcio dalla riforma del processo civile delle disposizioni che limitano i diritti di difesa e di impugnazione (eccettuata l’abrogazione del filtro in appello).

3.- Attribuzione all’attività degli avvocati di una parte significativa dell’attività oggi svolta davanti al giudice con dispendio di spese e di risorse (emissione dei decreti ingiuntivi non esecutivi, convalida di licenze e sfratti per finita locazione e per morosità, atti di volontaria giurisdizione etc).

4.- Dal d.l. sulla concorrenza va stralciata la parte che riguarda l’avvocatura. No perentorio al socio di capitale.

5.- Va difesa l’autonomia e l’indipendenza della Cassa forense e va fortemente implementato il Welfare per i giovani, per le donne avvocato e per i colleghi che versano in difficoltà.

6.- Il processo telematico non potrà che essere esclusivo. Va abbandonato definitivamente il cartaceo. Per attuare ciò, occorre implementare con l’impiego di notevoli risorse, con una nuova puntuale organizzazione, informatica, con i necessari dispositivi di sicurezza, con una magistratura attrezzata e competente. Se ciò non sarà possibile entro la fine del 2015, si dovrà ripensare tutto e/o intraprendere diverse strade digitali (anche meno costose).

7.- L’avvocato non è imprenditore e gli ordini forensi non sono associazioni di imprese. L’avvocatura è estranea all’Antitrust.

8.- La Costituzione italiana riconosce nel lavoro (anche in quello autonomo e professionale) un fondamento della Repubblica.

Gli avvocati hanno diritto ad un compenso proporzionato ed adeguato. Sono nulle le convenzioni che contrastano con tali principi.

9.- Va contrastata con ogni mezzo la ulteriore revisione della geografia giudiziaria che prevede la demolizione di Corti di appello e di Tribunali.


Le News di Oggi

21Lug 2017

Mondo professionisti Si è insediato lunedì il nuovo direttivo della Camera Penale di Vallo della Lucania. A farne parte gli avvocati Antonello Natale, Gianluca D’Aiuto, Marco Fimiani, Angelo Segreto, Marcello D’Aiuto e Nadia Malandrino. Rinnovate le cariche: alla presidenza confermato l’avvocato Antonello Natale, vice presidente sarà l’avvocato Gianluca D’Aiuto, segretario l’avvocato Marcello D’Aiuto e tesoriere l’avvocato Nadia […]

21Lug 2017

In cima alla lista c’è la vitalità che va collegata alla buona salute e all’età. Subito dopo si colloca il coraggio, ossia la capacità di con­trollare la paura. Si riferisce al controllo delle paure irrazionali, che condizionano le persone. Il co­raggio nasce dalla combinazione tra il rispetto di se stessi, per non lasciarsi abbattere da […]

21Lug 2017

Le autorità americane hanno denunciato in tribunale Fiat Chrysler Automobiles, accu­sandola di aver truccato le emis­sioni in oltre centomila veicoli con i popolari marchi Jeep e Rame dotati di motori diesel Il Dipartimento della Giustizia di Donald Trump, depositando il ricorso presso la Magistratura Ci­vile, ha rotto gli indugi e ha dato seguito alle prime […]

21Lug 2017

Anai – Causa civile in USA per le emissioni diesel   Le autorità americane hanno denunciato in tribunale Fiat Chrysler Automobiles, accu­sandola di aver truccato le emis­sioni in oltre centomila veicoli con i popolari marchi Jeep e Rame dotati di motori diesel Il Dipartimento della Giustizia di Donald Trump, depositando il ricorso presso la Magistratura […]

20Lug 2017

Mondo professionisti “L’avvocato penalista ieri, oggi … e domani. L’attualità di Francesco Giurato” è il tema dell’importante convegno organizzato dalla Camera Penale G. Sardielo di Reggio Calabria il 17 luglio presso la Sala Monteleone del Consiglio Regionale di Reggio Calabria. L’oggetto del convegno, per come anticipato dal moderatore Francesco Calabrese, presidente della Camera Penale di Reggio […]

20Lug 2017

Mondo professionisti Cattive notizie per gli aspiranti avvocati che devono svolgere 18 mesi di tirocinio prima di poter sostenere l’esame di abilitazione forense: i tirocinanti non solo non sono pagati, ma in molti casi devono rinunciare anche alla borsa di studio. Quest’anno, infatti, ben 1.300 dei 4.000 giovani che hanno svolto il tirocinio presso gli […]

20Lug 2017

ROMA, 19 LUG (ADNKRONOS) – “I MESI DI BATTAGLIA COMUNE PER L”EQUO COMPENSO, DALLA MANIFESTAZIONE DI NOI PROFESSIONISTI AL CONVEGNO DI OGGI HANNO GIÀ PRODOTTO UN RISULTATO CONCRETO: LA PROSSIMA SETTIMANA LA COMMISSIONE giustizia DELLA CAMERA INIZIERÀ L”ESAME DELLE PDL GIACENTI CUI SI AGGIUNGERÀ IL DDL ORLANDO IN VIA DI APPROVAZIONE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI”. […]